Psicomotricità

La Psicomotricità non esiste!!!
E’ il bambino che fino ai 6/7 anni è psicomotorio, ovvero il suo sviluppo motorio, cognitivo, emotivo e sociale è un tutt’uno inscindibile l’uno dall’altro. In questo modo l’attività psicomotoria sviluppa le tappe dello sviluppo del bambino: ad ogni età esistono precise capacità e abilità che il bambino deve avere possedere per un corretto funzionamento evolutivo.

L’Educazione Psicomotoria

Non è Ginnastica, è un’attività che si svolge in piccolo gruppo e accompagna la crescita, la maturazione del bambino, contribuendo alla PREVENZIONE di eventuali situazioni di disagio o difficoltà del naturale sviluppo.
In uno spazio appositamente attrezzato, in un ambiente sicuro, il bambino ha la possibilità di sperimentarsi in tutte le aree psicomotorie: dello schema corporeo, la lateralità, il movimento inteso come forma di apprendimento e di espressione di sé, il gioco, l’organizzazione spazio-temporale e prassica….
Lo psicomotricista, o il neuropsicomotricista sono le figure che possono attivare corsi di Educazione Psicomotoria, i loro compito è di osservare, attivare e sostenere, le azioni del bambino riconoscendo i sui bisogni. Il bambino è così riconosciuto e accompagnato nella crescita e nel rinforzo della sua identità individuale e sociale.

La Terapia Psicomotoria

E’ un’intervento mirato al singolo bambino o in alcuni casi in coppia. E’ condotto da una specialista laureata in Terapia della Neuropsicomotricità dell’età evolutiva. Si rivolge ai bambini con lieve difficoltà di crescita fino a situazioni più complesse. Il primo step è la Valutazione neuropsicomotoria, sono tre incontri dedicati all’osservazione e valutazione del bambino, in un setting predisposto per osservare il comportamento spontaneo e valutare anche tramite la somministrazione di test le abilità funzionali.
Successivamente viene fissato un colloquio con i genitori, detto di “restituzione” in cui vengono informati sul risultato della valutazione, ed eventualmente proposto un programma di intervento terapeutico.
Il progetto terapeutico condiviso in equipe viene discusso e concordato con i genitori che collaborano verso obiettivi comuni. Per un lavoro ben coordinato e sinergico si collabora anche con le insegnanti della scuola del bambino.

Attività Proposte

  • Corsi di Psicomotricità Educativa Preventiva
  • Terapia Psicomotoria
  • Valutazione Psicomotoria
  • Valutazione Neuropsichiatrica
  • Progetti educativi nelle strutture scolastiche
  • Colloqui di orientamento con i genitori
  • Incontri con educatori, insegnanti, pediatri ed altri operatori del settore
  • Serate a tema gratuite per i soci

Commenti chiusi